eDreams disdetta voli costosa

Interessante indagine del Corriere della Sera che ha analizzato il contratto di acquisto e vendita di voli online proposto da eDreams, che prevede penali molto alte in caso di disdetta.

edreamsSi legge sul Corriere che, prenotando un volo con eDreams e annullando via call center la prenotazione un mese prima, si incappa in una tassa pari a 39 euro per “apertura pratica”.

“Su 250,10 euro pagati in totale per il volo, si ha diritto a un rimborso di 67,54 euro. Ovvero le tasse aeroportuali – 145,54 euro per entrambi i passeggeri – (la tariffa, 74 euro, è esclusa dal rimborso), cui vengono sottratti i famosi 39 euro a testa. Dunque: 145,54 meno 78 (le due “aperture pratica”) fa 67,54: 33 euro e spiccioli a persona di rimborso”.

A ciò vanno anche aggiunti 30,56 euro a passeggero che sono etichettati come commissione di eDreams e, pagati congiuntamente alla prenotazione del volo, non vengono rimborsati dall’agenzia online.

Si noti poi, scrive il Corriere della Sera, che sul contratto di vendita c’è scritto chiaramente che “se la cancellazione avviene nella stessa giornata di emissione in orario d’ufficio (da lunedì a venerdì, festivi esclusi, dalle 9.00 alle 18.30) la tariffa aerea sarà integralmente rimborsata”.

Ma la cosa più interessante di tutto ciò è che se l’addebito dei 78 euro per “apertura pratica” avviene qualche minuto dopo la richiesta, per il riaccredito della somma da avere indietro “le tempistiche sono estremamente variabili e dipendono essenzialmente dalla compagnia aerea”.

Impietoso il confronto tra eDreams ed altre agenzie online con Expedia e Volagratis che non prevedono penale se si disdice un volo e Opodo che addebita le spese di segreteria “pari a euro 20 a persona per modifiche/cancellazioni”.

Cosa fare in caso di richieste come quella di eDreams? L’Aduc ha le idee chiare e mette in guardia i viaggiatori: “il consumatore deve stare attento e leggere bene le condizioni contrattuali prima di procedere all’acquisto. Nel caso questa non siano rispettate può chiedere il rimborso totale e un risarcimento danni. Ma può anche succedere che le condizioni contrattuali, pur descritte in modo esaustivo, siano nascoste, cioè non facilmente individuabili dalla home page del sito. In questo caso si può incorrere nel pratica commerciale scorretta e l’utente può ricorrere al giudice di pace”.

Chissà se eDreams risponderà alle accuse e come…

da EXCITE.IT

Leave a Reply