Categorie
notizie roma turismo ultime notizie

Transennata piazza San Pietro in Vincoli : parte del muro della chiesa si stacca

Si stacca parte muro della chiesa transennata piazza San Pietro in Vincoli
Crollati sul sagrato alcuni frammenti all’angolo del palazzetto attiguo. All’interno della basilica è custodito il Mosè di Michelangelo. Grossa crepa nell’intonaco

Parti di mura della facciata della chiesa di San Pietro in Vincoli a Roma, che custodisce tra l’altro il Mosè di Michelangelo, si sono staccate, precipitando sul sagrato. I vigili del fuoco hanno transennato l’angolo tra la piazza di San Pietro in Vincoli e via delle Sette Sale.

Sulla facciata, lato sagrestia, è ben visibile una grossa crepa nell’intonaco che lascia scoperti i mattoni rossi sottostanti. Ma ad essere privo di alcune parti è anche il fregio di un balcone collocato sopra la porta d’ingresso della sagrestia.

A cadere di prima mattina sono stati tre pezzi di intonaco della grandezza di un pugno ciascuno. Il crollo non ha riguardato propriamente la facciata della chiesa, ma l’angolo del palazzetto attiguo facente parte del complesso della chiesa di San Pietro in Vincoli, dove vive la congregazione dei Canonici Regolari Lateranensi. I vigili urbani hanno transennato e chiuso al traffico via delle Sette Sale, via della Polveriera e largo della Polveriera.

”Ad accorgersi del crollo di alcune parti di intonaco all’angolo del complesso della chiesa di San Pietro in Vincoli è stato il nostro
sacrestano, stamani”, racconta don Giuseppe, uno dei sacerdoti della basilica al centro di Roma. ”La chiesa ha due proprietari – ha aggiunto il parroco – il Fec (Fondo edifici di culto) e la Sovrintendenza statale. Cercheremo di capire nelle prossime ore cosa fare”. Nel pomeriggio ci sarà un sopralluogo della Sovrintendenza statale per appurare da dove siano esattamente cadute le parti di intonaco del Palazzetto del Cardinale, che fa parte del complesso di San Pietro in Vincoli. Non è escluso che i frammenti possano essere crollati da un balcone dell’edificio.

da ROMA.REPUBBLICA.IT

Rispondi