Crisi e Vacanze degli Italiani

vacanzaNonostante la crisi, gli li italiani non rinunciano alle vacanze. Si parte lo stesso, ma i soggiorni sono più brevi e si cerca il miglior rapporto qualità-prezzo. Il last minute, però, non risulta più la formula vincente.

E le mete preferite?

Per quest’anno si sceglie il territorio nazionale. Per i giovani il Mediterraneo resta la meta più ambita: ai primi posti Spagna e Grecia. Non manca chi preferisce sperimentare nuove tipologie di viaggio, come quelle ‘aggregative’ e gli ‘scambi casa’.

E’ questo il quadro generale che emerge dal settore turistico: nessun calo significativo delle prenotazioni rispetto allo scorso anno. “Per adesso il trend è standard, non si registrano flessioni significative se non per qualche destinazione e l’andamento delle prenotazioni rispecchia quello dello scorso anno, un’annata peraltro non eccezionale” dichiara all’ADNKRONOS il presidente di Assotravel-Confindustria, Andrea Giannetti.

Da Assoturismo-Confesercenti “nessun dato definitivo”, ma da una prima valutazione risulta “una certa frenesia nel richiedere informazioni e preventivi prevalentemente nelle zone del territorio nazionale per riscoprirne le bellezze” dichiara il presidente Claudio Albonetti. Crisi o non crisi, dunque, “la volontà di andare in vacanza c’è sempre – commenta – e poi, in questo periodo, c’è anche l’interesse a spuntare il miglior prezzo cogliendo le occasioni migliori”. Forse “è ancora troppo presto “per dare stime realistiche sul trend estivo, ma di certo, sottolinea il presidente di Assoturismo “le persone prenotano prima e non aspettano più il last minute”.

Un valutazione, quest’ultima, che sposa in pieno anche il direttore vendite Cts Viaggi, Fabio Savelloni, che in questa fase riscontra “un ottimo successo per il ‘prenota prima’ che offre comunque spesso condizioni pari al lastva minute ma garantisce la disponibilità di una miglior scelta”. A far gola sempre “il Mediterraneo con particolari richieste su Grecia e Spagna”. Per quanto riguarda le nuove tendenze, invece, Savelloni spiega che “quelle ‘aggregative’ nel mondo dei giovani vanno per la maggiore”.

Oltre agli special price e ai last minute, sembra poi essere sempre più in voga la tendenza del ‘prestami la tua casa che io ti presto la mia’. Un fenomeno, quello dello scambio casa, che in Italia cresce sempre di più tanto da “raddoppiare i soci di anno in anno”, fa sapere la responsabile Italia del portale scambiocasa.com, Cristina Pagetti.
Il successo dello scambio di casa, è dimostrato, sottolinea Pagetti, “dall’incremento impressionante dei nostri soci che nel giro di un anno sono passati da meno di 18.000 a 25.000”. In Italia “si contano più di mille soci” e il nostro Paese è la meta più richiesta dagli stranieri. “Un enorme vantaggio per noi – commenta la Pagetti – che abbiamo così la possibilità di scegliere tra più destinazioni”. Sembra, inoltre, che l’esperienza sia positiva: “dopo la prima volta, infatti, il 95% si riscrive con facilità”.

Leave a Reply