Categorie
cortina

Cortina una slavina dalle Tofane sulla Forcella Rossa

snowboard_cortina3ALTO IL PERICOLO DOPO LE ABBONDANTI NEVICATE DELLE SCORSE SETTIMANE
Paura a Cortina, valanga su una pista battuta
Una slavina dalle Tofane sulla «Forcella Rossa». Due sciatori coinvolti, ma il Soccorso alpino assicura: sono salvi

Paura in pista a Cortina d’Ampezzo. Una slavina è caduta mercoledì mattina in località Ra Vales e ha interessato la pista Forcella Rossa dove si trovavano degli sciatori. Per fortuna, essendo un giorno feriale di febbraio, il percorso, regolarmente aperto ai turisti, non era affollato. Sono stati coinvolti soltanto quattro sciatori, ma il Soccorso alpino ha rassicurato: si sono salvati da soli uscendo dalla neve.

LA PISTA – La Forcella Rossa è una delle più ripide di Cortina, una vera pista nera che parte da Ra Vales e scende lungo i ghiaioni alla base della Tofana di Mezzo, con pendenze notevoli. La pista percorre l’unico canalone che dall’altopiano roccioso raggiunge i pascoli sottostanti. La valanga si è staccata poco prima di mezzogiorno in una giornata che , dopo molti giorni di nevicate, era iniziata con il sole splendente. Il fronte della slavina è stato di circa 50 metri, e per una lunghezza di circa 200.

PARZIALMENTE SEPOLTI – Quando la valanga si è infilata nel canalone, sulla pista c’erano solo quattro persone: due italiani, che sono stati solo sfiorati dal movimento, e due stranieri rimasti parzialmente sepolti dall’accumulo che si è creato sul bordo esterno del canalone ma che, appunto, sono riusciti a liberarsi da soli.

AREA BONIFICATA – Scattato l’allarme, sul posto sono intervenuti il Soccorso alpino di Cortina, il personale dell’assistenza piste della polizia e la Guardia di finanza con 4 unità cinofile: nel dubbio che altre persone fossero rimaste travolte, l’intera superficie della slavina è stata in breve tempo bonificata. Tuttavia l’episodio ha suscitato allarme perché non si è trattato, come in molti altri casi, di un episodio avvenuto durante un fuoripista, in zone esplicitamente interdette ad appassionati e turisti. Una slavina su una pista battuta è un fatto raro.

PERICOLO SU TUTTO L’ARCO ALPINO – Ma le condizioni meteo mettono in primo piano su tutte le Alpi, in particolare quelle orientali, il pericolo slavine. Le frequenti e abbondanti nevicate sdi questo strano inverno hanno prodotto un manto di neve spesso, ma le temperature mediamente alte per la stagione lo hanno reso instabile stanno creando gravi pericoli legati alle valanghe. Cortina è stata una delle località dove le nevicate sono state più copiose.

da corriere.it

Rispondi