Paura in Cile : allarme per l’eruzione del vulcano Hudson video

Allarme in Cile per il vulcano Hudson
Si teme un’eruzione imminente. Evacuati gli abitanti in un raggio di 40 km attorno al cratere

È allerta rossa nella regione australe di Aysen, in Cile, per l’imminente eruzione del vulcano Hudson, che presenta attività sismica intensa fin da martedì.

Il ministro dell’Interno Rodrigo Hinzpeter ha annunciato l’evacuazione degli abitanti in un raggio di circa 40 km. L’ultima eruzione risale al 1991. Durante un sorvolo sul vulcano effettuato da personale del Servizio nazionale di geologia e miniere (Sernageomin), si è notata una colonna gassosa di color bianco, con della cenere, di circa 1,5 km di altezza. «Non si è osservata fuoriuscita di lava, ma nel 1973 ci fu un’eruzione subglaciale (senza fuoriuscita di materiale magmatico)», spiegano gli esperti del Sernageomin.

Quello che si osserva è un’apertura del sistema a livelli di superficie e l’inizio di un processo eruttivo che al momento è di bassa entità, ma che potrebbe evolvere in un fenomeno più forte in ore, o giorni. Il vulcano Hudson si caratterizza per eruzioni esplosive con colonne di vari chilometri di altezza. A differenza della maggior parte dei vulcani che si trovano in altre regioni del Cile, a Aysen i centri abitati si trovano nelle vicinanze e per questa è stata decisa l’evacuazione degli abitanti in un raggio di 40 chilometri.

L’attività sismica era iniziata martedì scorso con un terremoto di 4,4 gradi di magnitudo sulla scala Richter, con epicentro a 58 chilometri a sud-ovest di Porto Aysen, secondo quanto riferito dal servizio di sismologia dell’Università del Cile. Successivamente si erano registrati altri 15 fenomeni con una magnitudo più bassa, tra i 3 ed i 3,5 gradi, tutti con epicentro nelle vicinanze di Porto Aysen e tutti caratterizzati dalla rottura rocciosa.

da INFO.RSI.CH

Leave a Reply