Categorie
roma

Centurione a Roma dà di matto e danneggia balaustra del Bernini nella chiesa di Santa Francesca Romana

Danneggia balaustra di Bernini
preso falso centurione ‘furioso’
Prima ha aggredito alcune turiste al Colosseo poi, nella chiesa di Santa Francesca Romana, ha interrotto la messa e sfondato arredi sacri compresa l’opera in marmo dello scultore seicentesco

E’ stato un vero e proprio raptus di follia a scatenare in una chiesa di Roma a due passi dal Colosseo l’ira di un centurione, uno dei tanti figuranti che si fanno pagare dai turisti per essere immortalati nelle loro foto.
Il ‘centurione furioso’, un trentenne di Milano, è riuscito persino a sollevare a mani nude una balaustra in marmo attribuita al Bernini, nella basilica di Santa Francesca Romana, rompendola in diversi punti: alcuni colonnotti sono caduti, tre sono rimasti scheggiati. La sua follia, scatenatasi stamani mentre il sacerdote stava celebrando la messa, è costata danni per migliaia di euro.
Oltre alla balaustra l’uomo, presentatosi nella basilica seminudo e non in abiti da centurione, ha danneggiato paramenti sacri e suppellettili con una spranga presa dal cantiere della chiesa. Prima aveva aggredito alcune turiste al Colosseo poi, nella vicina basilica di Santa Francesca Romana, ha interrotto la messa e sfondato arredi sacri compresa la secentesca Balaustra della Confessione, in marmo policromo, attribuita al Bernini.

A bloccarlo, mentre continuava a gridare contro l’immagine del Redentore frasi come: “Dentro c’è Dio che è il diavolo e deve essere ammazzato”, alla fine, sono stati alcuni agenti di Roma Capitale che sono dovuti ricorrere allo spray urticante in dotazione. Tre vigili, a suon di calci e pugni sferrati dall’energumeno,
sono rimasti contusi e feriti.
Il magistrato ha confermato il suo arresto per interruzione di funzione religiosa, offesa al luogo di culto e alla religione, danneggiamento aggravato della cosa pubblica, nonchè minacce, resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale.
La segnalazione agli agenti della Polizia Roma Capitale era arrivata da alcune turiste italiane che erano state aggredite poco prima, nei pressi del Colosseo, dal ‘centurione’ che le aveva minacciate e prese a sputi, per poi dirigersi verso la basilica di Santa Francesca Romana. Arrivati immediatamente alla chiesa, i vigili hanno trovato i vasi della scala d’accesso alla sacrestia in frantumi e la porta corazzata forzata. Nel frattempo il sacerdote è accorso verso gli agenti chiedendo soccorso poichè, durante la celebrazione della messa, l’esagitato aveva anche sfondato la porta lignea che separa la chiesa dalla sacrestia, rovinato alcune sedie da cerimonia, lesionato un inginocchiatoio posto all’ingresso della basilica e divelto il cancelletto che porta all’altare.

Per il sovraintendente ai Beni culturali di Roma, Umberto Broccoli, “i danni tecnicamente possono essere quantificati in qualche migliaia di euro, ma naturalmente quello che non stimabile è il danno artistico, perchè si parla di Bernini”. “E’ stato il gesto di un folle, un cosiddetto centurione che si era distinto per atti di autolesionismo e follia – ha concluso il sindaco di Roma, Gianni Alemanno – Mi auguro venga arrestato e che venga sottoposto a un esame psichiatrico perchè probabilmente ha bisogno del trattamento sanitario obbligatorio”

da repubblica.it

Rispondi