Categorie
Val d'Aosta

Gaby Aosta precipita elicottero, due morti hanno perso la vita il pilota del velivolo, Angelo Domenico Praiale di 55 anni, albergatore e vicesindaco di Quincinetto e la cognata Sara Piras Piredda di 29 anni

gabi val d'aostaGaby: precipita elicottero, due morti. Tra le vittime il vice sindaco di Quincinetto
Gaby – Nell’incidente hanno perso la vita il pilota del velivolo, Angelo Domenico Praiale di 55 anni, albergatore di Quincinetto e Sara Piras Piredda di 29 anni.

Un elicottero è precipitato ieri sera intorno alle 20 nel vallone di Niel, nel comune di Gaby. Nell’incidente hanno perso la vita il pilota del velivolo, Angelo Domenico Praiale di 55 anni, albergatore e vicesindaco di Quincinetto e la cognata Sara Piras Piredda di 29 anni. Secondo la ricostruzione dei carabinieri Praiale aveva trasportato in un alpeggio in quota un suo amico e stava rientrando nella base di Quincinetto quando è stato sorpreso dalla nebbia e si è schiantato contro una parete rocciosa. I rottami del mezzo sono stati individuati questa notte dopo che ieri un cercatore di funghi ha segnalato un forte botto in una zona coperta di nebbia. Il recupero delle salme, che si trovano ora al Cimitero di Aosta, è avvenuto in mattinata da parte del soccorso alpino valdostano. Alle ricerche hanno preso parte anche i Vigili del Fuoco.

Due inchieste sull’incidente
Sull’incidente l’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo (Ansv) ha aperto un’inchiesta di sicurezza per “appurare le cause” che hanno provocato la caduta dell’elicottero Alouette II marche I-PAAD. A comunicarlo è la stessa agenzia che ha immediatamente inviato in Valle d’Aosta un investigatore per svolgere un primo sopralluogo operativo.
Una seconda inchiesta verrà aperta dalla Procura di Aosta. Le indagini saranno condotte dai carabinieri della Compagnia di Chatillon e Saint-Vincent. Le eventuali responsabilità tuttavia, si apprende da fonti giudiziarie, sarebbero in capo al pilota deceduto nell’incidente.

Il testimone
“Ho sentito un forte rombo sopra il bosco, poi un boato assordante, e quindi il silenzio”. Così, ancora sotto shock, Mario Lazier, consigliere comunale di Gaby, ieri sera, mentre cercava funghi, ha segnalato ai carabinieri la caduta dell’elicottero che ha causato la morte di due persone.
“Subito, come da prassi, abbiamo effettuato gli accertamenti con gli uffici volo di Caselle e di Linate. Alcuni elicotteri erano in ritardo ma poi sono tutti rientrati”, ha spiegato il capitano dei carabinieri Enzo Molinari, comandante della Compagnia di Chatillon e Saint-Vincent. “Quindi – ha aggiunto – siamo venuti a sapere di questo piccolo velivolo privato che aveva appena trasportato una persona in una baita nella zona di Niel”.

di Redazione Aostasera

Categorie
Ippoturismo società Val d'Aosta

Cogne cinque bambini Disarcionati e travolti da cavalli imbizzarriti al Maneggio

Cogne 09Disarcionati e travolti da cavalli imbizzarriti, cinque bambini finiscono all’ospedale
Cogne – Per cause ancora da appurare uno dei cavalli del maneggio improvvisamente si è imbizzarrito facendo cadere uno dei bambini e scatenando un effetto “domino” tra gli altri animali che a loro volta hanno disarcionato e travolto gli altri cavallerizzi.

Doveva essere una piacevole gita estiva a cavallo, nella splendida Valnontey, un paio di chilometri sopra Cogne ai piedi del Gran Paradiso, e invece la passeggiata di cinque bambini (con età comprese tra i 5 e gli 8 anni) e quattro adulti (tutti turisti, piemontesi, liguri e lombardi, ndr) è finita dritta all’ospedale, a causa di due incidenti simili ma distinti. Per cause ancora da appurare uno dei cavalli del Centro equestre Le Traîneau, durante un primo tour a cui stavano partecipando quattro bambini e due adulti, improvvisamente si è imbizzarrito facendo cadere uno dei bambini e scatenando un effetto “domino” tra gli altri animali che a loro volta hanno disarcionato e travolto gli altri cavallerizzi in erba. Le persone ferite sono state subito trasportate all’ospedale Parini di Aosta. Uno dei bambini, un milanese di 5 anni, ha riportato alcune fratture ed è stato ricoverato precauzionalmente nel reparto di rianimazione. La prognosi per lui è di due mesi. Gli altri feriti non sono in gravi condizioni.

In modo analogo, nel primo pomeriggio sono arrivati in ospedale, provenienti sempre da Cogne, altri tre feriti, una bimba di cinque anni e due adulti. Anche le loro condizioni di salute non destano preoccupazione.

di Redazione AostaSera.it

Categorie
Val d'Aosta

Courmayeur allarme Frana imminente sul Mont de La Saxe

courmayeur sul Mont de La Saxe  franaCourmayeur, scatta l’emergenza
“Frana imminente”, notte di paura
In serata si è staccato un gigantesco masso dal fronte sul Mont de La Saxe
e il volume della frana è il doppio del previsto: 400 mila metri cubi

Intorno alle 20,31, è scattata l’emergenza a Courmayeur. Il distacco della gigantesca frana del Monte di La Saxe è imminente, un gigantesco blocco è caduto intorno alle 20 e ora forze dell’ordine e Protezione civile hanno disposto la chiusura della statale del Monte Bianco, poi riaperta dopo la mezzanotte. Un maxi faro illumina la frana in attesa di sviluppi.

La frana «ha cambiato marcia» dal pomeriggio. Lo ha spiegato Davide Bertolo, dirigente della struttura Attività geologiche della Regione. I crolli sono ormai continui e il collasso «appare sempre più vicino». La massa di terra e detriti si sposta alla velocità di 30 centimetri orari (5 millimetri al minuto). Con lo scenario più recente inoltre, il volume dello smottamento che dovrebbe crollare è aumentato da 265.000 metri cubi a 350.000-400.000 metri cubi.

I volontari sono stati spostati questa mattina dalla zona del curvone di piazzale Retegno, perché il pericolo stava aumentando ora dopo ora.
CRISTIAN PELLISSIER da lastampa.it