Categorie
Svezia

Pionen White Mountains il data center nel bunker antiatomico in Svezia

Pionen White Mountains il data center bunker antiatomico Svezia  01Viaggio nel cuore di Pionen, il data center nel bunker antiatomico

12 piani sotto terra, sotto 30 metri di granito. L’accesso è protetto da porte d’acciaio spesse 40 centimetri. Pionen White Mountains negli anni Settanta era un bunker antiatomico, ora è uno dei datacenter più sicuri e affascinanti del mondo. Si trova pochi chilometri a sud di Stoccolma e ospita i sistemi del provider Internet svedese Bahnhof. Qui tecnologia del Terzo millennio e design rétro convivono. Può sembrare il covo segreto di uno dei cattivi di uno dei film di James Bond. Oppure la scenografia di un film di fantascienza degli anni Settanta.

Anche se Pionen non meritasse una menzione nei libri di design, avrebbe già un posto garantito nella storia dell’informatica. Perché qui nel 2010 ci sono stati i server di Wikileaks. Julian Assange non deve aver esitato molto prima di scegliere l’ex rifugio antiatomico: la Svezia ha una delle legislazioni più rispettose in materia di privacy e cosa c’è di meglio di una struttura fortificata per ospitare i segreti dell’intelligence di mezzo mondo?

Progettato durante la Guerra fredda, Pionen è stato il bunker che avrebbe dovuto tenere in vita le alte cariche del governo svedese se ci fosse stato un olocausto nucleare. Ecco perché è così vicino a Stoccolma, per render loro la fuga più breve possibile. Poi l’Unione Sovietica è caduta e Pionen è rimasto abbandonato per circa vent’anni. Prima del 2008 le sue luci sono state riaccese solo di quando in quando, per qualche rave e, una volta, per un matrimonio.

Poi l’intuizione di Jon Karlung, a capo del provider Bahnhof: trasformarlo in un datacenter. Tanto spazio a disposizione, facile accesso all’energia elettrica, e in più è in centro (così da abbattere i costi per i cavi in fibra ottica). E soprattutto ha tutta la sicurezza di cui hanno bisogno i dati.

Ci sono voluti due anni di lavoro per adattare una struttura di quasi cinquant’anni fa agli standard tecnologici di oggi. Due anni durante i quali sono stati scavati 4 mila metri cubi nella roccia per ricavare lo spazio necessario ai server e ai generatori di corrente ausiliari.

«Quando abbiamo cominciato tutto odorava come di cripta», ha commentato Karlung a Wired.com, che prima di lavorare nell’informatica è stato un archivista di film. Per questa ragione gli è stato facile associare Pionen al film cult di fantascienza Silent Running.

Nel film del 1972 le astronavi erano ricche di vegetazione. E così il capo di Bahnhof ha pensato di ricreare l’atmosfera nel suo datacenter: «Computer insieme alle piante è ciò che volevo ricreare: dare l’idea di qualcosa che cresce nello spazio profondo».

Non si tratta di uno sogno stravagante di uno personaggio eccentrico. La gente ama lavorare a Pionen. E, 30 metri sottoterra, è molto produttiva.

Perché i computer non sono impilati in rack anonimi. Le macchine sono avvolte in monoliti in metallo che spuntano tra piante, muschi e cascate.

Nel bunker ci sono anche serre, un simulatore della luce del giorno (altrimenti la vegetazione non sopravvivrebbero sottoterra), un acquario…

…e due enormi motori diesel di un sottomarino: sono questi i generatori elettrici di backup.

ed infine la planimetria

(a cura di Vincenzo Scagliarini) da corriere.it

Categorie
Svezia

Svezia il peggior incendio boschivo da 40 anni Italia e Francia in Aiuto

Svezia incendio boschi 10Svezia: boschi in fiamme, arrivano specialisti italiani

È il peggior incendio nelle foreste svedesi da almeno 40 anni quello in corso nella parte centrale del Paese. La Svezia ha chiesto aiuto a Italia e Francia che hanno inviato due aerei anti-incendio ciascuno. La Svezia infatti non ha aerei anti-incendio e finora ha operato solo con elicotteri L’incendio ha già causato una vittima e un ferito grave e ha distrutto 150 chilometri quadrati di foresta. Il ministro svedese Birgitta Ohlsson ha ringraziato Italia e Francia «per la solidarietà europea» Una foresta ridotta in cenere presso Seglingsberg Il fumo si alza dalla copertura boschiva presso il villaggio di Rorbo. Le fiamme stanno divampando da una settimana Secondo gli esperti svedesi l’incendio – forse provocato da un’estate con temperature sopra la media – potrebbe proseguire per settimane se non per mesi Un elicottero anti-incendio: questi mezzi non sono stati assolutamente in grado di fermare le fiamme Un Canadair CL-415 SuperScooper francese inviato all’aeroporto svedese di Vasteras  Posti di blocco della polizia presso Norberg Evacuate alcune case a Sala. Almeno mille persone hanno dovuto lasciare le loro abitazioni nella provincia di Vastmanland, a un centinaio di chilometri a nord-ovest di Stoccolma

da corriere.it

 

Categorie
Norvegia società Svezia ultime notizie

Svezia e Norvegia ed i rifiuti per il riscaldamento

RIFIUTI, SVEZIA E NORVEGIA VOGLIONO IMMONDIZIA: “CI SERVE PER SCALDARCI”

norvegia_svezia_rifiuti“Dateci i vostri rifiuti, altrimenti non sappiamo come scaldarci”. Queste sono le contraddizioni della nostra epoca: quelli che per noi sono un problema, al Nord Europa sono una risorsa che scarseggia.

Svezia e Norvegia infatti hanno realizzato uno tra i sistemi di raccolta differenziata più efficienti del Continente, ma ora non hanno la più pallida idea di come alimentare i propri termovalorizzatori che riscaldano le case di Oslo e Stoccolma. E mentre a Roma, Napoli, Palermo e Reggio Calabria i rifiuti sono un rompicapo, dai Paesi Scandinavi arriva addirittura un appello: “Mandateci i vostri rifiuti”.

Inquinamento? Nossignore: i loro studi sostengono che i termovalorizzatori permettono alla Svezia di risparmiare 1,1 milioni di barili di petrolio all’anno rendendo la termovalorizzazione una tra le tecniche per abbattere i gas serra.

da leggo.it