Himalaya Shisha Pangma valanga travolge e uccide un alpinista italiano e uno tedesco ndrea Zambaldi e Sabastian Haag

andrea zambaldiTRAGEDIA IN NEPAL DURANTE «LA DOUBLE8-EXPEDITION».
Himalaya, valanga travolge e uccide un alpinista italiano e uno tedesco
Le vittime sono il veronese Andrea Zambaldi e Sabastian Haag. Tentavano un record degli ottomila con trasferimento in mountain bike. Nella spedizione altri tre alpinisti

Volevano tentare un record, sono stati travolti e uccisi da una valanga sull’Himalaya: gli alpinisti Andrea Zambaldi, veronese di 31 anni (ma viveva e lavorava a Bolzano) e il 36enne Sebastian Haag, tedesco di Monaco di Baviera. L’incidente si è verificato mercoledì mattina (ora locale) nel corso della spedizione, partita il giorno prima, sullo Shisha Pangma (vetta di 8.027 metri nel Tibet), ha comunicato giovedì una portavoce del progetto «Double8-Expedition».

La spedizione
L’iniziativa era patrocinata anche dal Comune di Verona. Il gruppo di cinque alpinisti (c’erano anche Martin Maier, Benedikt Böhm e Ueli Steck) voleva completare nell’arco di sette giorni una doppietta di vette oltre gli ottomila metri, con trasferimento in mountainbike (170 km) tra l’una e l’altra (il Cho Oyum, a 8.188 metri, in Nepal). I cinque professionisti della scalata si stavano cimentando nella prima fase della loro «speed climbing» (ascesa in velocità), quando la valanga si è staccata a 7.900 metri, a cento metri dalla vetta. Haag e Zambaldi sarebbero precipitati per circa 600 metri, Maier invece si è salvato. Tuttavia non sono ancora del tutto chiare le dinamiche della tragedia. «Se si trovavano sotto la cima vera, probabilmente erano al traverso, che non è un tratto tecnicamente difficile ma è molto pericoloso – dice l’alpinista Silvio Mondinelli -. Io sono tornato indietro tre volte su quel traverso, per paura che si staccasse una valanga. Mi dispiace molto per questi ragazzi». Nel 2008, l’atleta di Borgo Roma (che viveva e lavorava a Bolzano) era arrivato in cima allo Shisha Pangma insieme a un altro veronese, Andrea Montolli, primi scaligeri a varcare la soglia degli ottomila con la spedizione «On The Rocks».

di Elmar Burchia da corriere.it

Valtellina morti quattro alpinisti incidente sul monte Disgrazia in Val Masino in cordata sulla Direttissima della parete Sud

OLYMPUS DIGITAL CAMERAValtellina, incidente sul monte Disgrazia: morti quattro alpinisti
Erano impegnati in cordata sulla Direttissima della parete Sud. Sono precipitati in un canalone. In azione il Soccorso alpino. Impossibile per ora l’intervento dell’elisoccorso per le avverse condizioni meteo. Del gruppo facevano parte anche altre due persone che però hanno desistito dal procedere

Grave incidente su una delle vette principali della Valtellina. Quattro alpinisti sono morti in Val Masino, in provincia di Sondrio: lo rende noto l’Azienda regionale emergenza urgenza. I quattro scalatori erano impegnati in cordata sulla Direttissima della parete Sud, una scalata impegnativa attraverso un itinerario meno praticato di altri della vetta valtellinese. Tutti e quattro sono precipitati in un canalone.

Una fitta nebbia, pioggia gelata e neve stanno ostacolando i soccorsi dei volontari del Soccorso alpino della VII delegazione della Valtellina e Valchiavenna e dai militari del Sagf della Guardia di Finanza che hanno raggiunto il luogo della disgrazia.

L’allarme è stato dato alle 10.30, ma è impossibile per ora l’intervento dell’elisoccorso, che pure è sul posto, per le avverse condizioni meteo. I quattro escursionisti facevano parte di un gruppo di sei persone. Due di queste (un uomo ed una donna) hanno desistito dal procedere, mentre i quattro hanno continuato la scalata e sono poi precipitati in un crepaccio.

da repubblica.it

Asiago Made in Malga 2014 dal 5 al 7 settembre programma completo

Altopiano-Asiago“Made in malga”: Asiago per 3 giorni
capitale dei formaggi di montagna

Asiago torna ad essere la capitale dei formaggi di montagna. Nel weekend dal 5 al 7 settembre il principale polo d’attrazione turistico dell’omonimo altopiano ospiterà infatti “Made in Malga”. Un evento nazionale organizzato da Alberto Marcomini e dallo staff di Guru del Gusto con la partnership del Consorzio tutela formaggio Asiago, il patrocinio del Comune di Asiago e della Regione Veneto e la collaborazione della Coldiretti e di Slow Food 8 comuni Altopiano. Tre giorni per assaporare i migliori formaggi italiani d’alpeggio.

Nelle 40 tappe del circuito si potrà assaggiare il formaggio Asiago Dop fresco e stagionato assieme a Fontina, Castelmagno d’Alpeggio, Caciocavallo Podolico delle Piccole Dolomiti Lucane, Parmigiano Reggiano delle Vacche Rosse, formaggi dell’Alto Sebino, Morlacco, Bastardo del Grappa e tanti altri. Nel nutrito programma anche laboratori di degustazioni guidate con l’abbinamento a birre i vini di montagna, incontri, escursioni in malga, musica e cene a tema.

Previsti in particolare banchi d’assaggio con i produttori sabato 6 settembre dalle 12 alle 19 e domenica 7 dalle 10 alle 19: per l’occasione ogni negozio, boutique, bar, wine bar e ristorante del circuito ospiterà un produttore con le sue specialità (ingresso libero). Sarà inoltre attivo uno stand gastronomico in piazza Carli venerdì (15.30-22), sabato (11-22) e domenica (10.30-20) con piatti tipici della malga (Tosela, Pastin, Speck, Asiago Dop di montagna), polenta di Mais Sponcio, un’antica varietà delle Dolomiti bellunesi, birre artigianali e vini di montagna. Le associazioni Asiago Guide, Nord Walk e Bike Trekking organizzeranno inoltre tre escursioni quotidiane nelle malghe.

Ultimi, ma non certo per importanza, i laboratori con il formaggio d’alpeggio che incontra il vino prodotto ad alta quota e la birra artigianale di montagna. Protagonisti sabato 6 settembre i vini della Valle d’Aosta (alle 14), le birre artigianali Zahre di Sauris con l’Asiago Dop (alle 16), i vini dell’Etna (cantine Murgo, Vini Biondi e I Vigneri di Salvo Foti). Domenica 7 settembre toccherà ai vini bianchi dell’Alto Adige (alle ore 11), ai vini della Valtellina della Cantina Nino Negri (alle 14) ed alla Birra di Fiemme. Prenotazioni via mail a [email protected]

L’intero programma della manifestazione si può trovare sul sito www.madeinmalga.it. Uscita autostradale dell’A31 di Piovene Rocchette.

 
di Andrea Lazzari da gazzettino.it