Categorie
Lago di Garda

Le anguille del Lago di Garda hanno la Diossina

ANGUILLE ALLA DIOSSINA,
CHOC NEL LAGO DI GARDA

ROMA – Le anguille del Lago di Garda sono contaminate dalla diossina, e per questo da qui a un anno ne sarà vietata la commercializzazione a scopo alimentare. L’Ordinanza che ne vieta l’immissione sul mercato è stata firmata stamane dal Sottosegretario alla Salute Francesca Martini, dopo alcune segnalazioni di inquinamento pervenute nei mesi scorsi.

L’ordinanza attribuisce alle Regioni e alle Province autonome interessate (Veneto, Lombardia e provincia di Trento) attraverso le autorità sanitarie, il compito di vigilare sul rispetto dell’Ordinanza e di adottare i provvedimenti per garantire l’informazione agli operatori e ai consumatori sui rischi per la salute legati al consumo. Ma non c’è alcun rischio in arrivo della bella stagione: «Le acque del Lago di Garda sono assolutamente sicure per la balneazione e non si rileva alcun problema sulla qualità dell’acqua degli acquedotti» ha dichiarato Martini. «La sicurezza delle produzioni ittiche del Lago – ha aggiunto Martini – oltre che un dovere nei confronti dei cittadini, un valore per il turismo e l’economia locali: per questo abbiamo realizzato un Piano di intervento dalle solide basi scientifiche. Il nostro Garda rappresenta un patrimonio inestimabile e da proteggere su cui c’è il massimo impegno da parte di tutti».

Le analisi per la ricerca di diossine, furani e PCB diossina-simili hanno riguardato 102 campioni di anguilla, agone, coregone, luccio, persico e tinca, prelevati da 10 stazioni individuate in modo da coprire tutta l’estensione del lago. I dati, ottenuti dalle analisi effettuate presso l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell’Emilia-Romagna e presso l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie, hanno permesso al Centro di referenza nazionale dell’Istituto Zooprofilattico dell’Abruzzo e Molise di effettuare la valutazione del rischio per la salute umana. I risultati delle analisi indicano che tutte le specie ittiche esaminate sono conformi, eccetto le anguille che presentano valori superiori alla norma.

da leggo.it

Categorie
alberghi Lago di Garda turismo ultime notizie vacanze

Lefay Resort & Spa, prima eco-struttura benessere sul Lago di Garda

Sul Lago di Garda il primo eco-resort del Sud Europa
Il Lefay Resort & Spa di Gargnano, nel bresciano, è la prima struttura benessere dell’Europa meridionale ad aggiudicarsi la certificazione ambientale Green Globe

di Mimmo Di Marzio

Nel bresciano nasce il primo Eco-Resot di tutto il Sud Europa. Si tratta del Lefay Resort & Spa di Gargnano, sulle Sponde del Lago di Garda, prima struttura benessere dell’Europa meridionale ad aggiudicarsi la certificazione ambientale Green Globe, una delle più prestigiose a livello mondiale per la gestione sostenibile delle aziende operanti nel settore del turismo.

“Questo traguardo – commenta Liliana Leali, Presidente di Lefay Resorts – è un’ulteriore conferma del nostro costante impegno per lo sviluppo sostenibile, in armonia con la nostra filosofia aziendale, che considera la responsabilità sociale e ambientale uno dei suoi valori fondanti. In fase progettuale, ma anche gestionale – aggiunge – abbiamo sempre puntato a ridurre al minimo l’impatto della nostra attività economica sull’ambiente. Dunque Green Globe è un riconoscimento che riceviamo con molta soddisfazione”.

La certificazione ottenuta da Lefay Resort & SPA Lago di Garda è, infatti, l’ultimo risultato di un percorso che affonda le sue radici nel dna e nella storia aziendale, tanto che la struttura ha già ottenuto la certificazione ambientale ISO 14001 per la “progettazione e gestione di soluzioni architettoniche per strutture innovative ed eco-compatibili” e la certificazione di qualità secondo la norma ISO 9001. Nel 2009 è stato inoltre insignito del “Premio all’Innovazione Amica dell’Ambiente” nell’ambito dell’ eco-edilizia, indetto da Legambiente e Regione Lombardia. Riconoscimenti, questi, che sono la testimonianza tangibile dell’impegno di Lefay nello sviluppo sostenibile e ne fanno il benchmark di riferimento nel settore benessere in ambito europeo. “Già nella fase progettuale e di avvio della nostra attività – precisa Liliana Leali -, l’idea di eco-sostenibilità si è concretizzata nell’utilizzo di materiali naturali per la costruzione di una struttura modellata secondo i principi di una Bio-architettura ispirata alle limonaie, tipiche costruzioni di questa zona del Lago di Garda, che ha permesso una perfetta integrazione morfologica ed architettonica nel paesaggio”.

Lefay Resort & SPA Lago di Garda è inoltre dotato di una vera e propria centrale tecnologica per la produzione di energia elettrica, calore e raffrescamento composta dalla centrale a biomassa, dall’impianto di cogenerazione a microturbine e da un impianto di refrigerazione ad assorbimento. Una scelta d’avanguardia, affiancata dall’implementazione di software gestionali per il risparmio energetico ed idrico e un’attenta politica ambientale nella gestione dei rifiuti e nella sensibilizzazione nei confronti degli ospiti. “Sin dall’inizio abbiamo compreso quanto sia importante investire senza riserve negli impianti tecnici – commenta il presidente -, ma anche impegnarsi per la promozione sul campo di una vera cultura dell’eco-sostenibilità, declinata in ogni ambito della nostra attività”.

Qualche dato per illustrare in termini di cifre la consistenza dell’impegno di Lefay Resort & SPA Lago di Garda per quanto riguarda la sostenibilità. Ad oggi la quota di fonti di energia rinnovabili si attesta intorno al 93% per la produzione di energia termica destinata a riscaldamento, produzione di acqua calda e piscine; 100% per il raffreddamento degli ambienti e la purificazione dell’aria, di cui il 75% prodotto internamente e 100 % per la produzione di energia elettrica, di cui il 60% prodotto internamente. Grazie all’impiego di fonti di energia rinnovabili e tecnologie innovative, il Resort ha ridotto le emissioni di CO2 fino a 1.130 tonnellate l’anno.

L’altissimo livello di queste “performance” in campo ambientale ha portato Guido Bauer, amministratore delegato della certificazione Green Globe, a dichiarare: “Lefay è la nostra prima struttura benessere ad essere certificata in Sud Europa e rappresenta un orientamento profondamente olistico nella realizzazione architettonica e nella gestione quotidiana di un’esperienza in una struttura di lusso e benessere. L’approccio di Lefay al consumo energetico ed idrico, unito all’utilizzo di energia proveniente da fonti rinnovabili e alla raccolta e riutilizzo dell’acqua piovana in tutto il Resort sono esemplari e rappresentano gli elementi fondamentali che tutte le SPA dovrebbero tenere in considerazione per neutralizzare il loro impatto sull’ambiente”.

da ILGIORNALE.IT


Categorie
Lago di Garda Trentino

Riva Del Garda premio dal portale tedesco Atraveo

Turismo: Riva Garda riceve premio Atraveo all’Itb di BerlinoLo ritira sindaco Mosaner, con la Germania c’è rapporto storico  E’ stato il sindaco Adalberto Mosaner a ritirare all’Itb di Berlino il riconoscimento del portale tedesco web Atraveo assegnato al centro turistico di Riva del Garda. La consegna del trofeo di cristallo da parte di Dirk Froelje, Amministratore Delegato di Atraveo, e’ avvenuta nello stand del Trentino alla presenza dell’assessore al Turismo Tiziano Mellarini e del presidente di Ingarda Trentino Enio Meneghelli. Soddisfatto Mosaner. ”Il rapporto con la Germania e’ storico – ha detto – e i commenti degli utenti Atraveo sono lusinghieri, segno che gli investimenti nell’infrastrutturazione di un turismo di qualita’ stanno portando ad ottimi risultati”.

 

”L’assegnazione di un simile riconoscimento – ha affermato Mellarini – e’ il frutto di un certosino lavoro di promozione.
Solo operando in sintonia e’ possibile presentarsi sul mercato in maniera unitaria e con un nome forte e riconoscibile.

 

da Ansa.it