Istria Parenzo Due coppie aggredite in un noto locale della movida istriana offese razziste ma anche il titolare sarebbe italiano il “Saint & Sinner”

Saint e Sinner ParenzoTuristi triestini pestati a Parenzo:
assaliti dopo gli insulti della barista
Due coppie aggredite in un noto locale della movida istriana:
«Offese razziste perchè italiani e poi un’incredibile ferocia»

TRIESTE – Fine settimana da incubo e fuga da Parenzo per due coppie di turisti italiani, malmenati in un noto locale notturno della movida istriana e costretti a rientrare malconci a Trieste anche se dal titolare del locale giungono smentite.

«Siamo stati vittime – denuncia il 31enne D. T., ingegnere triestino “capo comitiva” – di una aggressione incredibile. La scorsa settimana con la mia ragazza e un’altra coppia di amici abbiamo deciso di trascorrere un week-end a Parenzo. Venerdì appena arrivati dopo una buona cena di pesce e il tradizionale giro per le bancarelle del porto, abbiamo deciso di fermarci per un ultimo drink prima di andare a letto. Il locale prescelto era il “Saint & Sinner” situato proprio nel centro della località balnerare istriana».

Nel pub il 31enne, in inglese, ha ordinato 4 drink, tre dei quali erano vodka: la barista, una giovane croata, li ha serviti subito, ma lasciando uno dei 3 bicchieri praticamente vuoto. «Ho chiesto spiegazioni in modo assolutamente garbato dicendo che venisse pareggiato il livello di quel terzo bicchiere, peraltro dopo aver pagato – racconta il turista – La barista mi ha detto che il confronto non si poteva fare perchè c’era un cubetto di ghiaccio in bilico. Ho quindi dato un colpetto al bicchiere facendo scivolare il ghiaccio sul fondo e le ho mostrato i bicchieri per confutare la sua tesi. A quel punto lei, sprezzante, ha chiesto da dove venissi. Senza farmi problemi le ho detto che sono italiano. Risultato: lei mi ha riso in faccia ripetendo “Italianiiiiiii”; infastidito da quello sfottò palesemente razzista le ho risposto: ‘I miei soldi però te li sei presi, anche se italiani?’. ‘Guarda che chiamo la security’ ha replicato e io: ‘Chiamala pure, mostrerò anche a loro il bicchiere vuoto’».

Non l’avesse mai fatto: in pochi secondi è arrivato al bancone un gruppo di persone forse anche da fuori del locale. Il primo nella loro linea di tiro è stato l’amico del 31enne che non aveva neppure preso parte alla vivace conversazione al banco perchè stava ballando con la propria ragazza. «Il buttafuori senza rallentare il passo gli urla: ‘Italianski?’ e lui risponde “Sì”, neanche il tempo di reagire e viene colpito al volto. Ovviamente poi è toccato a me. Non avevo ancora capito cosa stesse succedendo e finisco a terra per una potente manata al mento. A quel punto i miei ricordi diventano nebulosi, sento calci allo stomaco e sulla schiena mentre sono ancora a terra, poi vengo strattonato e tanto per gradire due buttafuori mi tengono mentre un terzo mi colpisce all’addome. Inizio a capire qualcosa solo quando i 5 o 6 gentiluomini che ci avevano picchiato se ne stavano andando. Al mio amico è successa più o meno la stessa cosa, rimediando (a differenza mia) anche un labbro rotto».

I 4 italiani vengono soccorsi da altri clienti del locale che erano rimasti sbalorditi: altri due confessano di aver ricevuto pugni per il solo motivo di esser stati nei paraggi, ma di essersi salvati perche hanno gridato: “Siamo croati, noi siamo croati”. «A quel punto, ancora intontiti dalle botte non sapevamo cosa fare: andare alla polizia? Non ci fidavamo vista la mala parata: c’era il rischio concreto di venir accusati di chissà cosa, avevamo paura e ci siamo sentiti in un Paese straniero dai metodi non troppo amichevoli. I buttafuori avrebbero potuto trovare falsi testimoni e l’omertà degli altri clienti era un rischio troppo grande. Siamo tornati doloranti a casa, con un labbro gonfio e altri dolori. Con questa mia denuncia spero di salvare la faccia e le ossa dei prossimi malcapitati connazionali».

Le due coppie hanno quindi fatto immediatamente rientro a Trieste: il 31enne – tuttora choccato dall’esperienza vissuta – è peraltro un frequentatore abituale di Parenzo: «I miei genitori mi portavano in campeggio nella zona già 20 anni fa, mai avuto alcun problema, ma l’aggressione di venerdì scorso è stata un’esperienza terrificante che non dimenticherò tanto facilmente».

In serata da Udine un amico del titolare del locale, un istriano di origini italiane, ha smentito la versione dei ragazzi triestini che si sarebbero invece resi responsabili di “scorrettezze”: «Non c’è comunque alcun risvolto razzista – conferma il “portavoce” – visto che il titolare è appunto di origini italiane e da sempre ospita turisti provenienti dal nostro Paese».

di Gigi Bignotti da gazzettino.it

L’Istria con meno turisti se ne vanno Olandesi e Tedeschi

top_ten_turismo_istriaOlandesi e tedeschi in fuga, meno
italiani: l’Istria perde turisti

Non è solo l’Italia a soffrire: anche la Croazia sta accusando una flessione del 10% di turisti a luglio. Lo scrive oggi “Il Piccolo”: e sono soprattutto i centri principali istriani, Parenzo e Rovigno, a soffrire, mentre Umago si ferma al -9%.
In fuga gli olandesi (-44% rispetto all’anno scorso), ma anche i tedeschi sono in calo (-24%), mentre la riduzione per italiani e sloveni si attesta al -3%.
Secondo le prime analisi dell’ente di soggiorno le motivazioni sarebbero da ricondurre alle pessime condizioni meteo. Ma c’è chi sostiene che anche i prezzi in Croazia ormai siano aumentati troppo e si trovano mete più economiche in giro.
Lo scorso week end in Istria sono arrivati 136mila turisti, -6% rispetto all’anno scorso.

da gazzettino.it

I calciatori dell Croazia fotografati senza veli in piscina al mondiale in Brasile Vedran Corluka, Dejan Lovren e Darijo Srna

calciatori croazia senza indumenti in piscina al mondiale in Brasile Vedran Corluka  Dejan Lovren Darijo Srna03Fotografati nudi, in piscina, dopo la sconfitta con il Brasile. I calciatori croati protagonisti di queste immagini sono al centro di un caso in Brasile. Tanto che la loro nazionale e la stampa sono ai ferri corti. I giocatori, appoggiati dal ct Niko Kovac, hanno annunciato che non concederanno più interviste ai media croati, fatta eccezione per le conferenze stampe ufficiali alle quali non possono sottrarsi. Un silenzio deciso dopo che alcuni giornali croati hanno pubblicato queste foto che ritraggono dei calciatori nudi nel ritiro all’hotel Tivoli Resort di Praia do Forte. Vedran Corluka, Dejan Lovren e Darijo Srna sono tra quelli ‘immortalati’ mentre vanno a farsi un bagno senza niente addosso. “Come vi sentireste voi se qualcuno vi fotografasse mentre siete nudi? – ha commentato a riguardo Kovac – Hanno detto che non parleranno più e sapete perché. Io rispetterò la loro decisione”.

da kataweb.it