Categorie
Canarie isole Spagna turismo ultime notizie vacanze viaggi

Canarie petrolio e trivelle : la fine del turismo nell’isola Fuerteventura ?

Fuerteventura, arrivano le trivelle
I locali insorgono: “Ucciderà il turismo”
Il petrolio che giace sui fondali marini di una delle più belle isole delle Canarie sarà estratto nel 2014 e produrra 100 mila barili di greggio al giorno

di Gian Antonio Orighi

turismo_fuerteventura_petrolioLa Spagna sta blindando la meravigliosa Fuerteventura, la più vecchia delle 14 isole delle africane Canarie, suo possedimento dal 1492. La ragione? Il petrolio che giace sui fondali marini. Le prime trivellazioni cominceranno nel 2014 e, stando alle stime, produrranno 100 mila barili di greggio al giorno.

A funestare las miniera d’oro del turismo (1.760 mila villeggianti nel 2012, di cui 1, 6 milioni stranieri) sta arrivando anche il pericolo estremista: sempre più incisiva, infatti, è in quelle zone la presenza della Aqmi, la Al Qaeda del Maghreb, attiva a solo 100 km di distanza, sul continente africano.

Il governo conservatore del premier Rajoy, che finora produce solo lo 0, 16% del suo fabbisogno di idrocarburi, ha dato luce verde all’ampliamento delle zone di sicurezza delle basi militari dell’isola famosa per le sue spiagge che non hanno nulla a che invidiare ai Caraibi, e aumentato il contingente permanente.

L’oro nero si trova nella zona chiamata dai tecnici petroliferi Cocomero, a 15 km da Corralejo, al nord di Fuerteventura, la zona più amata dai turisti. Il governo locale insorge ed è riuscito ad evitare una esercitazione di 3 giorni di manovre con elicotteri ed F-16. Ma il futuro delle sue spiagge dorate è segnato.

da lastampa.it

Categorie
Canarie

El Hierro Canarie la prima isola con connessione WI Fi gratuita

El Hierro. Lava, vulcani e wi-fi

La più piccola e remota delle Canarie, spettrale e affascinante distesa di lava, sarà la prima isola al mondo con connessione gratuita al web. Per turisti e scienziati

Due hotel o due ostelli della stessa categoria, posizione centrale, identico range di prezzo: quale sceglierebbe un viaggiatore medio? Quello con prima colazione inclusa e internet wi-fi. L’accesso libero alla rete è divenuto fondamentale nelle decisioni di giovani e uomini d’affari quando si tratta di scegliere dove soggiornare e costituisce sempre più un’opzione irrinunciabile per le strutture che vogliono accaparrarsi i visitatori e rendere più piacevole la permanenza. Starbucks ne ha fatto un modello di business, ora anche le Canarie si avviano sulla strada del free wi-fi.

La prima isola dell’arcipelago (e del mondo) ad avere accesso internet libero e senza fili sarà El Hierro come annunciato da Manuel Soria, ministro spagnolo dell’industria, dell’energia e del turismo, all’interno di un piano di rilancio del territorio. Si sa, in tempo di crisi occorre inventarsi nuove proposte per attrarre i turisti; se poi sono stati allontanati da terremoti ed eruzioni sottomarine prolungate come quelle che hanno sconvolto l’anno scorso l’isola più occidentale delle Canarie, il restyling diventa ancora più urgente.

“Una isla que estará conectada gratis al mundo” un’isola a vocazione turistica con 10mila residenti nella quale il governo centrale spagnolo  ha deciso di investire otto milioni di euro per un rilancio che passa da un ampliamento dei collegamenti ancora troppo carenti tra l’isola, il resto dell’arcipelago e la terraferma, il rilancio dell’industria, la formazione delle professionalità turistiche e, appunto, la connettività (per la quale sono stati pronti 550mila euro).

Un benefit che renderà ancora più confortevole il soggiorno a El Hierro tra un’immersione e l’altra nelle piscine naturali di Charco Manso, Azul, del Pozo e de Los Sargos, navigando col tablet mentre si prende il sole sulla spiaggia di sabbia nera de La Arena o su quella di sabbia rossa de La Restinga.

Ma l’idea di mettere online gratis tutti i visitatori dell’isola non ha il solo scopo di dare un servizio supplementare ai turisti balneari. El Hierro, come le altre isole dell’arcipelago, è di origine vulcanica ed è un vero paradiso per gli amanti della geologia: 70 grotte vulcaniche (la più grande è Don Juso) e 500 crateri aperti. E dopo aver subito la natura in tumulto lo scorso anno ne vuole trarre profitto. Scienziati e studenti o semplici appassionati possono rimanere connessi cercando e inviando informazioni mentre si aggirano alla scoperta delle meraviglie create dalla forza della Terra, ammirabili anche grazie a tre nuove postazioni erette in tre zone di interesse geologico.

di Lara Gusatto da repubblica.it

Categorie
Canarie carnevale

Carnevale di Las Palmas 2012 Laura Medina

Medina la più bella del carnevale di Las Palmas

Indossando una spettacolare e ingombrante creazione dal titolo “Come with me one more time” è Laura Medina ad aggiudicarsi il titolo di regina del carnevale de Las Palmas. Come ogni anno nell’isola di Gran Canaria, alla presenta delle reginette degli anni passati, si assegna il titolo all’abito più creativo e alla modella più bella