Categorie
bolivia vacanze

Incidente in Bolivia si ribalta bus morti tre turisti italiani Tra le vittime, Lorenzo Licciardi, 30 anni, originario di Marina di Montemarciano Ancona

lorenzo licciardiBolivia, bus si ribalta tre italiani muiono
Le vittime sono un 30enne marchigiano, un uomo e una donna romani di 53 e 50 anni. La causa forse l’alta velocità

Una delle vittime dell’incidente: Lorenzo Lìcciardi

Sono tre gli italiani deceduti nell’incidente stradale in Bolivia: altri tre connazionali sono sopravvissuti e hanno ricevuto assistenza dall’ambasciata italiana a La Paz .Secondo quanto dichiarato dal comandante della polizia di Challapata all’agenzia boliviana Abi, gli italiani coinvolti sono F.C. (53 anni), morto sul colpo, L.L. (30) e F.T. (50)

Tra le vittime, Lorenzo Licciardi, 30 anni, originario di Marina di Montemarciano (Ancona). Secondo quanto dichiarato dal comandante della polizia di Challapata all’agenzia boliviana Abi, al momento, sarebbero undici i morti e 24 i feriti, alcuni dei quali gravi.

Il comandante locale di polizia, Gonzalo Carrasco, ha precisato che l’incidente è avvenuto fra Potosi’ e Oruro, sulla strada Panamericana, in direzione della capitale boliviana La Paz, a circa 35 km dalla località di Challapata. Il pullman era affittato all’impresa Trans Turismo Omar.

Il conducente boliviano è fra i 9 morti. Fra le nazionalità delle persone coinvolte citate dalla polizia boliviana, oltre ai tre italiani, si parla di tedeschi, svizzeri, brasiliani, canadesi, australiani, peruviani e boliviani.
Le salme, scrive l’Abi, sono stati portate all’ospedale San Juan de Dios di Challapata.

Lorenzo aveva prenotato il viaggio con Avventure nel Mondo, ed era partito da solo, per una vacanza sognata da tempo, fra Perù e Bolivia. A Marina di Montemarciano lavorava come idraulico: al rientro da questo viaggio avrebbe lasciato la casa dei genitori per andare a vivere per conto suo. Ieri notte invece la famiglia ha ricevuto al telefono la notizia della tragedia.

da lastampa.it

Categorie
alberghi bolivia

Hotel Palacio de Sal In Bolivia al Salar de Uyuni fatto tutto di sale

Bolivia Hotel del sale a Uyuni 10Bolivia. A Uyuni l’hotel tutto di sale
Si chiama Hotel Palacio de Sal e sta al Salar de Uyuni boliviano come gli alberghi di ghiaccio stanno alle tundre canadesi o lapponi nei rispettivi inverni bianchi. In altre parole, si tratta di un albergo interamente di sale, che, appunto si trova nella sconfinata distesa salata delle Ande Boliviane, la più vasta del pianeta con i suoi oltre 10,5 mila chilometri quadri. Tutto, dalle mura ai letti agli armadi e ai tavoli è stato creato lavorando il sale dell’area, con piccole eccezioni quali materassi, tende e parti come i pavimenti del bagno che la frequente umidità rende più soggetti a corrosione o solubili. Per crearlo sono stati prodotti 1 milione di mattoni da 35 cm. L’albergo ovviamente deve essere, se non proprio ricostruito, pesantemente restaurato dopo ogni stagione della pioggia, che in quella parte della Bolivia cade tra l’estate e l’inizio autunno australi (gennaio-aprile). L’albergo offre tutti i comfort di una struttura di categoria superiore, come saune e bagni turchi, e, naturalmente di sale… Tra le curiosità le scritte che campeggiano nei locali, tipo, “per favore non leccate i muri”. “Ho visto qualche ospite provarci, solo per sincerarsi che sia davvero sale”, racconta Pedro Pablo Michel Rocha, guida turistica dell’area, “chi arriva qui per la prima volta stenta a credere che sia davvero tutto di sale”. Curiosamente, le stanze da letto somigliano proprio agli igloo. I letti sono dei blocchi di sale, ovviamente ammorbiditi da materassi tradizionali. L’ideatore Don Juan Quesada lo ha creato per la prima volta a metà degli anni 90, ma poi ha dovuto essere smantellato e ricostruito nel 2002. Ospita fino a 60 persone in 21 camere twin e 9 doppie  a prezzi dell’ordine dei 110-120 euro a notte. Imitato, rimane il più pregevole degli alberghi a tema. Con tanto di campo da golf e piscina, di sale.

da kataweb.it

Categorie
bolivia carnevale

Video tragedia carnevale in Bolivia a Oruro

Bolivia, ponte crolla sulla sfilata di Carnevale: 4 morti
Quattro morti e più di 60 feriti in Bolivia per il crollo di un sovrappasso pedonale che ha investito spettatori e un corteo di musicisti nella sfilata di Carnevale. E’ accaduto sulla città mineraria di Oruro, nel nord-ovest delle Ande. Il cavalcavia era una struttura temporanea che non ha retto al peso della folla. Tre dei morti erano componenti di una banda musicale della zona. L’incidente ripreso in un video amatoriale

da kataweb.it