Il Castello di Pietratagliata o dei Gresti : riconosciuto tra le “Mille Meraviglie Italiane”

Il Castello dei Gresti “Meraviglia italiana”

Il Castello di Pietratagliata o dei Gresti, che sorge a pochi chilometri da Valguarnera, è stato riconosciuto tra le “Mille Meraviglie Italiane”, grazie alla candidatura presentata dal giovane valguarnerese, Paolo Totò Bellone.

Un riconoscimento ottenuto presso il Salone degli Specchi di Palazzo dei Leoni di Messina, dove si è svolta la conferenza stampa di presentazione del progetto “Meraviglia Italiana”, un’iniziativa promossa in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia, dal Forum Nazionale dei Giovani (che ha ottenuto il patrocinio della Camera dei Deputati, del Ministero dei Beni ed Attività Culturali, del Ministro della Gioventù, del Ministro del Turismo, e di moltissime regioni italiane).

“Tale iniziativa – spiega Paolo Totò Bellone- ha lo scopo di realizzare un itinerario di eccellenza attraverso la selezione di mille meraviglie italiane, individuabili tra siti paesaggisti,  culturali, storici e manifestazione della tradizione culturale a cui verrà conferito il bollino di meraviglia italiana”.

Durante la conferenza sono state presentate le prime 15 meraviglie che ricadono nel territorio della Regione Sicilia. In particolare il riconoscimento è stato assegnato ai comuni di Francavilla di Sicilia, Geraci Siculo, Gualtieri Sicaminò, Librizzi, Messina, Montalbano Elicona, Noto, Randazzo, Resuttano, Roccalumera, Roccapalumba, San Biagio Platani, Sant’Alfio, Scaletta Zanclea e Valguarnera. Infatti tra le varie candidature, il Forum Nazionale Giovani ha ritenuto di assegnare il riconoscimento di Meraviglia Italiana al Castello di Pietratagliata o dei Gresti, candidatura presentata dal valguarnerese Paolo Totò Bellone membro del club Unesco di Enna sezione giovani.

Paolo Totò Bellone, che con l’associazione “Valguarneresi nel mondo” è impegnato anche nella gestione del museo etno antropologico che a Valguarnera ha sede presso Palazzo Prato, rappresenta uno di quei giovani indigeni che con i fatti lavora per il proprio paese è sta puntando sul settore turistico quale settore di sviluppo.

Arcangelo Santamaria

da valguarneracom.blogspot.com

Leave a Reply