Carnevale di Viareggio 2010

«La Sinistra? Sparita pure dal Carnevale»
Ha preso il via, con i tradizionali tre colpi di cannone, la 137/ma edizione del Carnevale di Viareggio. Famoso in tempi lontani per la forza di sbeffeggiare poteri palesi e occulti

viareggio_carnevale3VIAREGGIO – Quel che resta della satira politica, al Carnevale di Viareggio, ha il volto di Silvio Berlusconi e di molti dei suoi ministri. La sinistra? Non c’è. Tanto che il decano dei carristi, Arnaldo Galli, sottolinea che la sinistra «è sparita dal Carnevale di Viareggio perchè è sparita in sè, punto e basta. Magari tornasse la Dc. Per favore, ridateci Andreotti!»

Primo corso della 137/ma edizione del Carnevale di Viareggio, una città che si rialza e chiede giustizia dopo la terribile strage del 2009, 32 vittime nel rogo provocato dall’esplosione di una ferrocisterna: in 65 mila, per un incasso di 135 mila euro, sfidano il freddo polare per guardar sfilare 17 carri di prima e seconda categoria, gruppi e maschere isolate. Zucchero Fornaciari, che ha appena ricevuto la cittadinanza onoraria per il concertone in favore delle vittime della strage di Viareggio nel giugno 2009, guarda la sua testa sfilare sul corso.

PREMIER PROTAGONISTA – Ma chi si aspetta di veder irridere il potere in tutte le sue forme e tutti i personaggi politici si deve rassegnare: il premier e il suo governo hanno monopolizzato le idee dei carristi, dell’opposizione non c’è l’ombra. Berlusconi ’uber alles’: viene raffigurato come ’Edward Mani di Forbicè, film gothic-noir di Tim Burton; ma anche come Alice nel Paese delle meraviglie, come sultano circondato dalle baiadere e dai ciambellani oppure in versione ’Papì, come Gobbo di Notre Dame e come Casanova. Persino come albero di fico.

Dovunque giri gli occhi, lui c’è. Doppia citazione per il guardasigilli Alfano e per il ministro Brunetta, gettonatissimo Bossi, primo mascherone per il capo del Viminale Roberto Maroni, perfetta Maria Stella Gelmini che sbuca dalla corona dentata della Repubblica con un paio di splendide forbici in mano. Ma a seguire ci sono quasi tutti: anche Tremonti e Calderoli, poi Fini. Una citazione per il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che come il Coniglio Bianco di Alice nel paese delle meraviglie cerca eroicamente di gestire il tempo della crisi. Satira politica dunque quasi marginale e totalmente monopolizzata: solo 5 carri e qualche maschera isolata l’hanno come riferimento e sono tutti monotematici.

GLI ALTRI CARRI – Gli altri si dedicano all’ambiente, al sociale, all’economia e anche alla crisi internazionale con la maschera del presidente Obama raffigurato nelle vesti di Superman che tenta di salvare la statua della Libertà in gramaglie. Da un punto di vista estetico, il carro ’Machinarium’ di Franco Malfatti ha centrato, richiamando ’Metropolis’ di Fritz Lang, la spettacolarità richiesta dal Carnevale, così come ’Una sola madre: la terrà di Roberto Vannucci, due cigni, uno bianco e uno nero, alti 27 metri che intrecciano i colli e le ali: un richiamo alla diversità e all’attenzione che tutti dobbiamo all’ambiente. Altro carro spettacolare quanto inquietante ’L’amore rubatò di Massimo Breschi, una evidente condanna alla violenza sulle donne. Per il resto, tutta fantasia e tante citazioni: dal Ronconi per Sanguineti di ’Alfabeto Apocalitticò, al De Chirico cui si riferisce Alfredo Ricci per ’Paesaggiò fino alla ’Danza del Dragonè con la quale la Cina si augura forza e potenza, reinterpretata da Verlanti e Bonetti.

da IL CORRIERE DELLA SERA