Il Capodanno 2011 della Sardegna: Mango a Cagliari, Marco Carta a Oristano, Malika Ayane ad Alghero, Nek a Olbia

Capodanno 2011 nell’Isola: da Cagliari a Sassari tutti in piazza

Mango a Cagliari, Marco Carta a Oristano, Malika Ayane ad Alghero, Nek a Olbia. Anche quest’anno l’addio al 2010 e il benvenuto al nuovo anno in Sardegna è all’insegna delle grandi star.

Nel capoluogo sardo il cantautore lucano è l’ospite più atteso sul palco allestito in via Roma, mentre in città è di scena il “Capodanno diffuso” con i palchi allestiti nelle piazze del centro storico e gli artisti di strada.

ORISTANO – Oristano punta sulla scoperta della De Filippi: Marco Carta, vincitore di Sanremo 2009, si esibisce in piazza Roma. Ma la notte oristanese è accompagnata anche da uno sfizioso menù di specialità enogastronomiche, vernaccia in testa.

ALGHERO – La suggestiva cornice del porto della città catalana accoglie invece la giovane Malika Ayane, una delle nuove stelle della musica italiana. Nek, cantautore romagnolo arrivato al successo già dal 1997 con Laura non c’è, aspetterà la mezzanotte con i suoi fan nella città gallurese. Ma non è tutto. Dal nord al sud dell’isola è un pullulare di eventi per trascorrere la notte di San Silvestro in allegria, a suon di musica, show, fuochi pirotecnici, gastronomia tipica, itinerari alternativi e altro ancora.

SASSARI – Questo variegato carnet di proposte parte da Sassari dove in piazza Italia si ride e si balla con una delle star più acclamate della comicità italiana. Nino Frassica sul palco con la sua band darà vita ad un esilarante intrattenimento a ritmo di musica e spassose gag. Ma la nottata comincia con lo show dei sassaresi Pino e Gli Anticorpi.

GALLURA – A La Maddalena arrivano Le Vibrazioni, a Castelsardo i Negrita. Sempre nel nord della Sardegna a San Teodoro, in piazza Gallura, il palco sarà tutto per lo storico gruppo dei Tazenda, bandiera sarda nel mondo. Per il 1 gennaio l’amministrazione comunale ha organizzato un originale fine anno al mare sulla spiaggia de la Cinta con i Tamurita.

IGLESIENTE – Dalla costa orientale del nord dell’isola si scende verso l’iglesiente, “Sul Sentiero dei cinque faraglioni” di Nebida, un itinerario sulle tracce dei minatori che dal piazzale Belvedere (tutti muniti di torce e lampade a carburo) a mezzanotte raggiunge la Laveria Lamarmora.

NUORO – A Nuoro, poi, si balla in piazza Italia con i Non Soul Funk. Le manifestazioni di fine anno di Cagliari, Sassari, Olbia, Nuoro, Alghero, Castelsardo, La Maddalena, Iglesias, Oristano e Palau danno il via al programma di promozione, finanziato con un milione di euro dall’assessorato regionale al Turismo guidato da Luigi Crisponi, “L’Isola che danza”, per rilanciare il turismo in bassa stagione, da Capodanno alla Settimana Santa. “Questo progetto apre una nuova pagina del turismo dell’isola – ha commentato Crisponi – non più limitato solo allo slogan ‘mare e coste’ ma ‘tradizioni e cultura delle piccole realtà interne'”.

da UNIONESARDA.IT

Leave a Reply