Categorie
archeologia calabria

Capo Zeffirio, fra Africo e Bianco scoperta archeologica, ritrovati manufatti in bronzo ed una armatura

Africo (RC): Sensazionale scoperta archeologica, ritrovati manufatti in bronzo ed una armatura

i reperti ritrovati nel mare antistante Capo Zeffirio potrebbero appartenere al carico di una nave greca o fenicia

Mentre si festeggia il quarantennale della scoperta dei Bronzi di Riace, lo Ionio si agita e, benevolmente, vomita una nuova scoperta. Una scultura in bronzo dorato, effigiante un leone, è stata ritrovata nel mare antistante il Capo Zeffirio, fra Africo e Bianco. Un pannello quadrato largo cinquanta centimetri, che sicuramente viaggiava su una nave affondata nel mare smeraldino calabrese.Leo Morabito appassionato di immersioni e Bruno Bruzzaniti, in vacanza sulla ionica, hanno fatto la pesca miracolosa e riportato a riva il reperto dal peso considerevole, una quindicina di chili. Alla loro scoperta si è aggiunta quella ulteriore fatta da Bartolo Priolo, una intera armatura in bronzo e rame, ritrovata incastrata fra gli scogli del Capo. Tutto intorno ai ritrovamenti il fondale appare tappezzato da cocci di ceramica multicolore. Il quadro d’insieme conferma con tutta probabilità la presenza di una nave da carico, che qualche esperto interpellato ipotizza essere fenicia o greca. I ritrovamenti sono stati prontamente denunciati alle autorità competenti e si attendono i rilievi di legge che potranno dare contezza dell’importanza della scoperta. Dovessero confermarsi le ipotesi avanzate ufficiosamente dagli archeologi, e da noi raccolte, il ritrovamento avrebbe una rilevanza straordinaria. La valenza e il pregio del materiale già ritrovato denuncerebbero un carico di valore inestimabile. L’auspicio nostro, che sarà anche una nostra battaglia, è che si inizi immediatamente una campagna di ricerca e messa in custodia del tesoro che lo Ionio ci ha riportato dopo millenni, regalandocelo in una data significati, agosto, stesso mese e stessi giorni della scoperta dei Bronzi. Un grazie va dato alle persone che hanno fatto il ritrovamento, alla loro prontezza nel denunciare i fatti. Noi abbiamo avuto solo la fortuna di arrivare per primi sul posto, e dare per primi la notizia ai nostri lettori. I calabresi hanno avuto l’ulteriore fortuna di bissare il ritrovamento dei Bronzi. E noi tutti dobbiamo avere la forza di sfruttare nel miglior modo possibile questa nuova chance che il mare e i ritrovatori ci hanno regalato.

da redazione La Riviera

larivieraonline #gmail.com

Rispondi