Canazei 2011 il raduno delle Harley Davidson polemiche

L’ INIZIATIVA OGGI INIZIA A CANAZEI IL RADUNO DELLE MOTO AMATE DA CLOONEY E BUSH. CENTAURI IN ARRIVO DA SVIZZERA, AUSTRIA E GERMANIA

Potrebbe essere ribattezzata «centauromachia». È la battaglia nata in questi giorni sulle Dolomiti per via della tappa di Canazei del Legend Tour 2011 organizzato dalla Harley Davidson di Bolzano. Un evento che inizia oggi e che consentirà, tra l’ altro, di far provare gratuitamente la gamma della Casa di Milwaukee. A far discutere, però, è un serpentone con 200 moto che, in due fasi, attraverserà passi incantevoli come il Passo Giau o il Pordoi. Del resto l’ Harley o si ama o si detesta. Lenta è lenta, pesante è pesante, costosa è costosa ma è semplicemente una leggenda con 108 anni di storia. Consacrata da film indimenticabili come Easy Rider con Jack Nicholson e Peter Fonda. Nulla è normale nel mondo dell’ Aquila. I piloti si chiamano biker e non guidano ma vivono on the road . La bicilindrica a stelle e strisce, negli ultimi anni, ha conquistato star come Brad Pitt e George Clooney; ex presidenti degli Stati Uniti come George W. Bush e piloti come Michael Schumacher. Con buona pace degli stereotipi che vedono i ribelli harleysti «brutti, sporchi e cattivi». Malgrado ciò, l’ idea che centinaia di biker guidino sui passi ha fatto storcere il naso a molti ambientalisti. Michl Laimer, assessore della provincia di Bolzano all’ Ambiente è uno di questi. «Non ho nulla contro le moto o le Harley ma organizzare un raduno nel cuore delle Dolomiti è sbagliato e contrario alla filosofia che sta alla base del riconoscimento di patrimonio naturale dell’ Umanità dell’ Unesco. Sono disposto a incontrare gli organizzatori per spiegare il mio punto di vista e trovare in extremis altre location più idonee». Anche l’ ambientalista locale Michil Costa ha preso carta e penna e ha scritto alla fondazione Dolomiti dell’ Unesco per chiedere di prendere posizione contro il motoraduno. «Noi non possiamo interdire nulla – spiega Gianni Puglisi, presidente della commissione Nazionale Italiana per l’ Unesco – perché il nostro compito è quello di valorizzare e tutelare i beni. Per interdire bisogna rivolgersi alle autorità preposte. Però mi chiedo se sia giusto tout court che si svolga un raduno simile sulle montagne. A prescindere dalla nostra tutela. Perché o è moralmente lecito svolgerlo a Canazei, Cortina o Cervinia o non lo è mai. La bellezza e il silenzio delle montagne avvicinano a Dio e va rispettato». Di parere opposto è Daniel Gepert, responsabile dell’ evento. «Ogni giorno su queste strade – argomenta – circolano oltre 2 mila mezzi e mi vogliono dire che il problema sarebbero 150-200 moto in più in un week end ? Tra l’ altro le nostre sono moto in regola con le direttive europee sull’ inquinamento. In più, ci sarà un ritorno economico. I centauri arriveranno non solo da tutta Italia ma anche da Austria, Svizzera e Germania. Si fermeranno a mangiare e dormire nelle strutture turistiche. Osvaldo Finazzer, albergatore e guida del tour, spiegherà prima di partire per il giro la bellezza dei luoghi che incontreranno. I nostri clienti sono abituati a viaggiare molto e rispettare la natura. Sono anche certo che molti torneranno d’ inverno a sciare».
Ribaudo Alessio da corriere.it

Leave a Reply