BergamoScienza 2011 programma

BergamoScienza 2011

La scienza è sempre vista come una materia ostica, complicata, che richiede attenzione e scrupolosità nel fare. I laboratori scientifici delle scuole sono piene di materiale pressochè inutilizzato, vista la difficoltà di docenti e alunni a familiarizzare con essi. A Bergamo hanno pensato di facilitare l’approccio alla scienza soprattutto dei più giovani con una interessante iniziativa che “mette in piazza” le scoperte, gli studi e le invenzioni scientifiche dall’ 1 al 17 ottobre 2011.

Si tratta di “BergamoScienza”, il festival di divulgazione scientifica che porta la scienza tra la gente comune e la rende fruibile a tutti, con particolare attenzione ai giovani e alle scuole poiché a loro viene affidato il futuro della nostra società.

La conoscenza e la cultura sono beni preziosi da tramandare, come un tesoro, soprattutto negli ultimi 20 anni, considerato il momento di declino della divulgazione scientifica. Numerosi gli eventi: mostre, laboratori, conferenze, iniziative come l’Autobus della Scienza e il nuovo concorso fotografico “Fotografa BergamoScienza”.

Programma

IX edIzIone dI bergamoscIenza 2011
Dopo il successo della passata edizione con oltre 100.000 presenze,  la scienza torna protagonista a Bergamo con la IX edizione di BergamoScienza.

Dal 1 al 16 ottobre 2011, BergamoScienza anima  la città e la provincia di Bergamo con 16 giorni ricchi di eventi, aperti  gratuitamente al pubblico, conferenze, tavole rotonde, incontri con  Premi Nobel, scienziati di fama, ospiti internazionali, mostre, laboratori  interattivi, open day, spettacoli teatrali, proiezioni di film e documentari.
Molti i nomi illustri del panorama scientifico e culturale italiano e  internazionale, che affrontano i temi più attuali nell’ambito della  ricerca scientifica, tra cui i due Premi Nobel per la Medicina: il medico  australiano Barry James Marshall (2005), che ha scoperto che l’ulcera  gastrica è causata dal batterio Helicobacter pylori e il biochimico  inglese R.Timothy Hunt (2001), Premio Nobel per le sue scoperte  sui meccanismi molecolari che determinano la vita e la morte di  una cellula. Numerosi illustri rappresentanti del mondo scientifico si incontrano a Bergamo per parlare con il pubblico di medicina, bioetica,  chimica, biologia, nucleare, elettronica, scienze ambientali, geologia,  zoologia, matematica, robotica, tecnologia spaziale, neuroscienze, fisica, psicologia e filosofia della mente.

Venerdì 30 settembre al Teatro Sociale in Città Alta, in occasione della presentazione del programma dell’edizione 2011 del Festival, si tiene la conferenza-spettacolo “Cervello e Musica” con la neuropsicologa Isabelle Peretz, esperta di neurobiologia della musica, per scoprire le relazioni tra suoni e cervello sulle note del quartetto The Italian Saxophon Quartet.
Per celebrare l’Anno Internazionale della Chimica, BergamoScienza organizza, sabato 15 ottobre, una “Giornata Molecolare” di cui la chimica è indiscussa protagonista. Molte le conferenze sull’argomento con chimici di grande fama come Amilra Prasanna De Silva e Françisco M.Raymo e l’esperto di enigmistica Stefano Bartezzaghi, autore di uno speciale cruciverba “chimico”. La giornata, inoltre, è scandita da letture e giochi, concerti e spettacoli “molecolari”, per imparare a conoscere la chimica divertendosi.
L’evento d’eccellenza di questa edizione è “Elements: the beauty of chemistry”, mostra internazionale coprodotta dall’Associazione BergamoScienza e dalla Science Gallery del Trinity College di Dublino, che si inaugura sabato 15 ottobre al ridotto del Teatro Donizetti, al termine della conferenza “La Tavola Periodica: la vita curiosa degli elementi” con il giornalista Giovanni Caprara. Con Elements, BergamoScienza per la prima volta propone un evento che continua oltre il calendario del Festival: la mostra, aperta a tutti, resta visitabile fino a domenica 20 novembre 2011.
Anche quest’anno BergamoScienza privilegia tutte le forme di diffusione del sapere scientifico attraverso il coinvolgimento, sempre più attivo,
dei giovani e delle scuole. Il programma prevede la partecipazione di 20 Istituti Scolatici di Bergamo e provincia che propongono mostre e
laboratori per esplorare in modo interattivo l’affascinante mondo della scienza: dalla costruzione di un motore Stirling alla programmazione di piccoli robot; dalle teorie multidisciplinari sui modelli matematici agli exhibit sulle proprietà chimico-fisiche dell’aria; dal laboratorio sulle telecomunicazioni alle meraviglie della cellula.
In occasione del 150° Anniversario dell’Unità d’Italia BergamoScienza celebra i Premi Nobel Italiani per la Chimica, la Fisica e la Medicina.
I volti, le scoperte scientifiche e le straordinarie storie di vita dei Nobel italiani si sfogliano tra le pagine del programma, si cliccano sul sito del
festival e si scoprono passeggiando per la Città e visitando il laboratorioe la mostra dedicati ai “150 anni di scienza italiana”, organizzati dal Museo Storico di Bergamo e dall’Associazione per l’Insegnamento della Fisica.
Anche per il 2011 vengono riproposte le iniziative che hanno riscosso grande successo nelle passate edizioni: le Vetrine della Scienza, allestite nel centro di Bergamo grazie alla consolidata collaborazione con le realtà commerciali locali; Fotografa BergamoScienza, il concorso fotografico a premi per catturare in un click l’anima del Festival. E da quest’anno il Bookshop della scienza, a cura dell’Associazione Librai di Bergamo in collaborazione con la libreria Ubik di Bergamo.

Tutte le attività, gli eventi, le informazioni utili sulla manifestazione sono disponibili, oltre che sul pieghevole del programma, all’Info Point allestito in Piazza della Libertà, sui totem per le vie della città con i QR Code e sul sito www.bergamoscienza.it, sempre aggiornato con le
news dell’ultima ora.
Un’ultima novità: da quest’anno è disponibile l’App “BergamoScienza” per iPhone e iPad: scaricala gratuitamente e porta il Festival sempre con te!

il programma completo si scarica QUI

 

Leave a Reply