Categorie
gossip Sardegna

Beppe Grillo al mare a Porto Cervo

IL RIPOSO DEL GRILLO – ECCO PERCHÉ PIZZAROTTI C’HA MESSO TANTO A FORMARE LA GIUNTA A PARMA (OGGI AL DEBUTTO): GRILLO AVEVA STACCATO IL CELLULARE PER GODERSI IL MERITATO RIPOSO A PORTO CERVO! – CON LA SCUSA DEL COMIZIO PER I CANDIDATI A SINDACO DI ALGHERO E QUARTUCCIU, IL CAPOPOPOLO DEL M5S SI È CONCESSO UN BEL WEEK-END NELLA VILLA SULLA SPIAGGIA ALL’INTERNO DEL GOLF CLUB DI PEVERO…

Da “OGGI” – www.oggi.it

Mentre Federico Pizzarotti sgobbava nell’afa di Parma per formare la sua giunta, Beppe Grillo sudava per due obiettivi assai più rilassanti: perfezionare la tintarella e rinforzare la cultura. In Sardegna per spargere il suo carisma di comiziante (c’era da spingere i candidati a sindaco di Alghero e Quartucciu), il lìder maximo del Movimento 5 Stelle si è concesso una deviazione e ha passato il weekend nella sua casetta al Golf Club di Pevero, Porto Cervo.

L’itinerario, un inno alla monotonia: casa-spiaggia di Capriccioli, spiaggia di Capriccioli- casa (in tutto, poche centinaia di metri). Il look, un monumento alla semplicità: slip neri, espadrillas in tinta, chioma selvaggia, un paio d’occhiali per la lettura. Le attività, una concessione alla pigrizia: catturare più raggi solari possibile e macinare le pagine di un saggio. E anche la compagnia era ridotta all’osso: il libro-calamita che Beppe non ha mollato neppure per entrare in acqua e il cognato-capellone, che gli ha fatto da autista.

Chi si aspettava, oltre ai bagni di sole e di mare, anche un bagno di folla, è rimasto deluso, ma non festeggino i capi dei partiti tradizionali: l’indice di gradimento di Grillo è sempre altissimo. Il fatto è che Beppe, in Costa Smeralda, è ormai di casa e gli ammiratori autoctoni sanno quanto tenga alla propria privacy: niente capannelli, quindi, zero richieste di autografi, qualche stretta di mano, gli incoraggiamenti di un paio di turisti tedeschi ferrati in politica italiana e l’assalto soft di un venditore di teli da spiaggia, che ha provato, senza successo, a piazzare la sua mercanzia.

Nella quiete della casa sarda, poi, Grillo si è dedicato a sbrigare un po’ di corrispondenza: al Financial Times, che l’ha paragonato a Benito Mussolini, ha scritto una lettera pepata. E chissà che non abbia mandato anche un’e-mail conciliatoria a Pizzarotti. Augurandogli buon lavoro, finalmente.

da dagospia.com

Rispondi