Amazzonia video tribù sconosciuta

LE PRIME RIPRESE AEREE MAI GIRATE DEGLI INDIGENI CHE VIVONO NASCOSTI NELL’AMAZZONIA
Primo video della tribù sconosciuta
Il Perù si impegna: «Li difendiamo»
Bbc e Survival International hanno diffuso le immagini per proteggerli dall’invasione illegale dei taglialegna

La tribù sconosciuta che vive nell’Amazzonia peruviana al confine con il Brasile, mostrata per la prima volta al mondo con tre fotografie della Bbc, poi diffuse dall’associazione Survival International, ha spinto il governo peruviano a intervenire. La copertura mediatica data a livello internazionale ha smosso la politica: le autorità hanno annunciato che collaboreranno con il dipartimento agli Affari Indigeni del Brasile (Funai) per proteggere tutta la zona in modo più efficace. La sopravvivenza di questa tribù è infatti messa a rischio dalla penetrazione massiccia e illegale di taglialegna nel versante peruviano del confine. Le autorità brasiliane ritengono che l’invasione stia spingendo gli Indiani isolati peruviani verso il Brasile, e che questi possano entrare in conflitto con altri indigeni o possano essere decimati dalle malattie importate dall’esterno.

LE PRIME RIPRESE AEREE DI UN POPOLO SCONOSCIUTO – L’attenzione internazionale ha spinto gli autori del reportage nella foresta a diffondere anche le riprese aeree di questo popolo che vive da sempre nella foresta e non ha mai mostrato nessun desiderio di uscire. L’attrice Gillian Anderson ha prestato la sua voce a un video straordinario: le sequenze mostrano gli Indiani in modo del inedito. Il filmato costituisce in assoluto la prima ripresa aerea di una comunità isolata. «Quello che le immagini di questo filmato dimostrano in modo potente – ha commentato la Anderson – è che si tratta di un popolo fiducioso e in perfetta salute.

Spero che siano lasciati soli – ma questo potrà succedere solo se fermeremo i taglialegna». «Il gravissimo pericolo che incombe sul futuro dei popoli incontattati – ha commentato Stephen Corry, direttore generale di Survival, dovrebbe preoccupare il mondo intero». Ora su questo angolo della foresta amazzonica si sono accesi riflettori che dovrebbero proteggere chi ci vive da sempre. La maggior parte delle altre volte non è successo.

da corriere.it

LE IMMAGINI DIFFUSE DA SURVIVAL INTERNATIONAL PER SENSIBILIZZARE L’OPINIONE PUBBLICA
Le prime foto di una tribù sconosciuta
È minacciata dai tagliatori di legname
Vivono in Brasile, al confine del Perù, dove cresce l’opera di deforestazione illegale che distrugge il loro habitat

NOTIZIE CORRELATE
Il sito dedicato alle tribù incottatate
MILANO – E’ la prima volta che si fanno vedere dal resto del mondo, non per loro scelta. Le immagini sono state diffuse da Survival International, un’associazione che tutela le culture indigene. Si tratta di indiani che vivono in Brasile, vicino al confine peruviano, a cui sarà dedicata la puntata “Jungles” del programma Bbc Human Planet (in onda giovedì 3 febbraio, ore 21 italiane). Le immagini sono state scattate dal Dipartimento brasiliano agli affari indiani, che ha autorizzato Survival a usarle per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla necessità di proteggere il loro territorio. Le immagini mostrano una comunità prospera con ceste piene di manioca e papaia appena raccolte nei loro orti.

La tribù sconosciuta in Amazzonia

LE MINACCE – La sopravvivenza della tribù è messa in serio pericolo dalla penetrazione massiccia e illegale di taglialegna nel lato peruviano del confine, denuncia Survival in una nota. Le autorità brasiliane ritengono che l’invasione stia spingendo gli indiani isolati peruviani verso il Brasile, e che i due popoli possano entrare in conflitto. Da anni Survival e altre ong chiedono al governo peruviano di intervenire per fermare l’invasione, ma è stato fatto ben poco. «È necessario ribadire che queste tribù esistono – ha dichiarato oggi Marcos Apurinã, coordinatore dell’organizzazione degli Indiani amazzonici brasiliani COIAB – quindi abbiamo deciso di appoggiare la diffusione di queste immagini che documentano i fatti. I fondamentali diritti umani di questi popoli vengono ignorati, soprattutto quello alla vita. Pertanto, è di vitale importanza proteggerli».

da Corriere.it