Categorie
Alto Adige Trentino

Alta Val di Non il mistero delle Baite date alle fiamme curiosamente quelle dichiarate abusive

È guerra delle baite in alta Val di Non: sette edifici distrutti da incendi dolosi

In sole due settimane nella zona del passo della Mendolaroghi ed esplosioni ai danni di stabili dichiarati “abusivi”

BOLZANO – Prosegue la “guerra delle baite” in alta Val di Non, nella zona del passo della Mendola, a cavallo fra le province di Trento e Bolzano. La scorsa notte tre edifici, disabitati, situati nel comune di Cavareno, sono andati completamente distrutti in seguito a incendi di origine dolosa.

Due settimane fa altre 4 baite erano andate a fuoco dopo l’esplosione provocata da una bombola a gas. Anche in quel caso erano disabitate. Alcuni mesi fa era stata bruciata una villetta. Tutte le baite incendiate la scorsa notte risultano abusive, si apprende dai carabinieri, che hanno avviato accertamenti per risalire ai proprietari degli edifici che da anni sono al centro di contenzioso fra residenti e comuni.

Le baite incendiate infatti sono rivendicate dal Comune di Cavareno,ma appartengono a persone residenti a Caldaro, Termeno e Cornaiano che le utilizzavano da parecchi anni. Anni contrassegnati da una serie di ricorsi e duelli giudiziari.

Rispondi