Curiosità d’inverno, Alpen-Trail al via

Appuntamenti d’inverno: dall’Alpen-Trail alla gara di pale da neve
Al via il 16 gennaio la 14esima edizione della sfida di cani da slitta più importante d’Europa. E il 17, sul Monte Elmo, ci si prende a “palate”

alpen_trailDopo duri allenamenti, finalmente possono sfidarsi nella gara dell’anno. Inizia il 16 gennaio la 14esima edizione dell’Alpen-Trail, una delle più importanti competizioni di cani da slitta in tutta Europa. Sette tappe, di cui una notturna, 300 chilometri con un dislivello totale di 5000 metri e 50 team provenienti da sei nazioni: questi i numeri del grande evento sportivo che appassiona i fan dello sleddog.

La prima tappa è in Svizzera, nella Val Monastero. Sono 40 chilometri, andata e ritorno da Lu a S-Charl (16-17 gennaio) e rappresentano una sfida nella sfida perché questo è uno dei percorsi più impegnativi per i cani-concorrenti, ma anche uno dei più coinvolgenti per il pubblico.

Il 19 e 20 gennaio l’Alpen-Trail arriva in Alto Adige e fa tappa in Alta Pusteria a Braies e Dobbiaco. La partenza è a Schmieden e da qui, in 55 chilometri, si sale verso Prato Piazza e poi giù in direzione Carbonin. Ultimo sforzo prima di tagliare il traguardo a Sesto, località Moos. Tre giorni (21-23 gennaio) per vincere, affrontando anche una tappa notturna di 15 chilometri. Agli sfidanti è richiesto un grande impegno atletico, con il Kreuzbergpass (1636 mt), la Malga Coltrondo (1880 mt) e il Kniebergpass (2300 mt) da superare. Ma gli spettatori non rimarranno delusi.

neve_invernoChi trascorre un weekend in Alta Pusteria, in attesa dell’arrivo dei cani da slitta, non deve perdersi la Helm Juchiza del Monte Elmo, ovvero la gara di pale da neve. Questa volta niente corse, ma solo attrezzi normalmente usati per spalare che, il 17 gennaio, diventano l’alternativa agli sci. I migliori “piloti” gareggiano in una discesa a cavallo delle pale lungo un percorso di 800 metri. Possono partecipare tutti, esperti e non, donne e uomini, purché la squadra sia composta da un minimo di cinque persone.

Un’enorme pala intagliata nel legno di cirmiolo è il trofeo dei vincitori. E, a seguire, festa no stop per tutta la notte sul Monte Elmo.

Alessandra Turci

da IL CORRIERE DELLA SERA