Categorie
economia

I Posti dove i pensionati si ritirano a vivere

bogota colombia  dove ritirarsi in pensionePensionati in fuga: le 10 mete migliori per vivere bene

Fuga a Tenerife, il paradiso dei pensionati: vita da ricchi con 1.000 euroTenerife, paradiso dei pensionati: vita da ricchi con 1.000 euro
“Vado in Costa Rica”: tasse al 10%, prezzi bassi. Una vita nuova…”Ciao Italia, vado in Costa Rica”  Tasse al 10%, pace, prezzi bassi  La nuova vita di un tassista

Pensionati e felici. “Paghiamo i medicinali molto meno che in Italia, Fuerteventura è poi una terra aspra e bellissima con un clima sempre primaverile. Che dire, siamo fortunati”. Mirta e Rino sono due pensionati che hanno scelto la Spagna per trascorrere la loro terza età dopo aver chiuso con il lavoro. Come raccontano al sito voglioviverecosì.com, hanno avvertito l’esigenza di lasciare l’Italia per vivere dignitosamente con la loro pensione. “Il futuro ora ci spaventa meno”, dicono. Non sanno però che i loro connazionali a Panama vivono ancora meglio: è questa la meta dove i pensionati vivono meglio.

Le mete – Il magazine International Living, ogni anno stila una classifica dei posti dove ritirarsi dopo la pensione. Nella lista del 2014 sono considerate diversi parametri tra cui i prezzi al consumo, esenzioni statali, sanità, costo della vita. E così emerge che Panama è l’approdo più comodo per i pensionati, con un punteggio del 91,2. Seguono Ecuador (91,1) e Malaysia (88,5).

La grande fuga – Con sei nazioni nelle prime dieci, il Sud America è il continente che offre la maggiore serenità agli anziani. Nella classifica di International Living c’è anche l’Italia, quattordicesima. Alla voce divertimenti (punteggio 98) è seconda solo alla Francia, ma la crisi si fa sentire e così sconta una forte penalizzazione nei prezzi al consumo e sul costo della vita. Ai pensionati italiani visti questi dati non resta che la fuga all’estero. Come certifica l’ultimo rapporto Istat, sono 483mila le pensioni erogate all’estero. I nostri anziani, proprio come i giovani, fuggono dalle città italiane a causa del potere d’acquisto abbattuto dalla crisi economica.

da liberoquotidiano.it

Rispondi